Finalmente ho trovato uno spazio per pubblicare sul mio sito l’articolo che ho realizzato per CasaFacile e che mi ha portato ad essere nel team. L’articolo presentato lo trovate qui, mentre oggi vi mostrerò la prima stesura, dove ad aiutarmi c’è l’azienda C&C Milano, tessuti made in Italy rifiniti rigorosamente a mano. Questi tessuti mi hanno trasportato nella terra dove sono cresciuta: la Sicilia. Un viaggio nell’infanzia e nella memoria. Un racconto fatto di emozioni lasciate incastonate per sempre da Siracusa, ma anche dalle bellezze vicine alla mia città. E attraverso un viaggio immaginario voglio portare voi in questa terra. Il tour inizia da una delle attrazioni più richieste e amate: il mare. C’è chi lungo le coste si gode[…]

Il mio articolo per Libreriamo è on line e vi parlerò del sistema Besta di Ikea per attrezzare una parete in soggiorno. Una mia cliente vorrebbe una libreria a tutta parete, ma con dei cassetti nella parte bassa. Ciò che le ha preventivato il falegname è troppo costoso per una casa probabilmente transitoria, così le ho proposto di utilizzare questi sistemi componibili. Nelle immagini di seguito trovate alcuni suggerimenti, l’articolo completo lo trovate qui ;-).

Qualche volta mi impongo di ritagliare uno spazio per me, per cercare ispirazioni per la nostra futura casa. Mi piace vedere quello che c’è di nuovo e mi entusiasmo per certe case davvero originali, ma poi, devo essere sincera, ricado sempre su una tipologia. Il lavoro mi porta ad avere sotto gli occhi le novità del mondo dell’interior, ma mi rendo conto che non riesco ad allontanarmi da un certo tipo di mood. Sarà perché nonostante io faccia case per gli altri, che comunque non si allontanano mai dal mio gusto pur seguendo l’indole dei clienti, e sperimentando finiture e materiali, resto ben salda sulle mie idee perché quelle sono la vera me. E così lo spazio che andrò a[…]

Stamattina anche Milano si è svegliata sotto la neve e non vi dico che disastri per entrare in città. Quindi ho disdetto gli appuntamenti e mi sono messa al computer per mettere ordine ad un progetto a cui sto lavorando. Ma nella mia stanza c’è una finestra grandissima e tra le orchidee e le margherite vedo scendere la neve e così in tutto questo bianco silenzioso la mia mente è entrata nella casa di Helen. La cosa che mi piace di più della sua casa è la luce e il senso di pace che si respira. La zona giorno è ricca di finestre e i raggi del sole e il giardino entrano con delicatezza. L’ambiente non è pieno di oggetti,[…]

Mi sono resa conto con gli anni che le case che mi piacciono non sono perfette. Nel senso che non rappresentano un unico stile, ma sono il coesistere di situazioni diverse. Amo i contrasti, ciò che non sembra finito, ma che in realtà è meticolosamente studiato. Quando mi sono imbattuta nella casa che sto per mostrarvi è stato amore a prima vista. In primis per la bellissima luce che entra in cucina e poi perché uno stile raw, che sembrerebbe una connotazione stilista più maschile, qui viene declinata al femminile grazie ai colori pastello, le carte da parati romantiche, gli specchi anni ’40/’50. L’ingresso dal giardino è evidenziato da un cambio di pavimentazione. Potete trovare un pattern simile nella collezione[…]

Ormai è da tempo che io e mio marito cerchiamo casa, ma purtroppo non è facile trovare quella che rapisce il cuore ad entrambi. Io sono selettiva per il lavoro che faccio, non sapete quante bocciature ho fatto alle sue proposte, marito invece ha in mente delle caratteristiche a cui non vuole rinunciare. Una su tutte i soffitti alti. E come dirgli di no, visto che è una peculiarità che adoro! Ecco in questa immagine si racchiude quello che lui ha in mente: soffitti alti, boiserie, parquet a lisca di pesce. via Vogue Living Ma nelle zone in cui abitiamo non è facile trovare un immobile che racchiuda tutte le nostre aspettative. Così ci siamo messi in testa di progettarla[…]

Sono rimasta affascinata dalla casa e dallo studio di Marko Brajović, architetto, designer, scenografo, direttore creativo e ogni giorno qualcosa in più… Croato di nascita, si laurea a Venezia, passa da Barcellona e alla fine approda in Brasile. A San Paolo fonda lo studio, si sposa e nasce Zoe. Sostiene che lo studio dei materiali ti permette di usarli nel modo più corretto; crede nella sostenibilità dei progetti, ma quella vera, non di facciata che spesso si nasconde dietro a spot pubblicitari; crea Bamboo Lab e porta avanti la sua campagna per l’utilizzo del bamboo come materiale ecologico e poliedrico. Negli anni la sua reputazione cresce e i suoi clienti diventano: NIKE, Camper, Google, OI, Samsung, SESC, Eletrolux, MIS, KitchenAid, Mitsubishi[…]

Ciao Architettamici, mi dispiace ma in questi giorni faccio fatica a scrivere quello che c’è di nuovo perchè sono alle prese con un nuovo progetto, che comunque riguarderà il blog. Spero vi piacerà 🙂 Navigando in rete però mi sono innamorata di alcune immagini che ho voluto abbinare e condividere con voi. Il bianco, punte di nero e naturalmente il colore. Restate in attesa delle novità 😉 In senso orario 1, 2, 3, 4, 5, 6.

ALGAE, l’opera di Stefano Arienti inaugurata nei giorni scorsi, resta aperta nei locali di Foscarini Spazio Brera (via Fiori Chiari 28, Milano) fino al 7 marzo. Un materiale povero, come i sacchetti di plastica colorata buttati e riutilizzati, diventa protagonista di un’installazione di grande effetto, grazie al gesto dell’artista che le trasforma in impalpabile ed avvolgente scenografia. “Con le forbici o un taglierino si eseguono dei tagli a pettine sulle buste ripiegate, completati con una serie di altri tagli contrapposti” racconta Stefano Arienti, “ È lo stesso antichissimo schema di taglio con cui si trasforma una pelle animale in una rete, come visto in un reperto egizio di migliaia di anni fa, o industrialmente, oggi, con le lamiere metalliche che[…]